Mediexplorer
Neurologia
Ematologia.net

I farmaci antinfiammatori, incluso il Naproxene, possono aumentare il rischio di infarto miocardico acuto


L'impiego dei farmaci antinfiammatori ( FANS ), incluso il Naproxene, è associato a un aumento del rischio di infarto miocardico acuto ( IMA ), con l'inizio del rischio che si verifica durante la prima settimana della terapia e un rischio più pronunciato a dosi più elevate, secondo i risultati di una revisione sistematica e meta-analisi dei dati dei singoli pazienti nel mondo reale pubblicati sul British Medical Journal ( BMJ ).

I rischi cardiovascolari dei FANS sono ben noti, con dati che dimostrano che questi farmaci aumentano il rischio di infarto miocardico acuto, ictus e insufficienza cardiaca.
Per comprendere meglio gli effetti dei FANS sui rischi di infarto miocardico acuto, i ricercatori hanno valutato gli studi inseriti nelle banchedati sanitarie canadesi ed europee per determinare la tempistica di questo rischio, l'effetto della dose, l'impatto della durata del trattamento e i rischi comparativi tra gli antinfiammatori.

L'analisi ha incluso studi che hanno valutato l'uso specifico dei farmaci antinfiammatori, inclusi gli inibitori selettivi della ciclo-ossigenasi-2 ( Cox-2 ), e hanno confrontato il rischio di infarto miocardico acuto tra gli utilizzatori e i non-utilizzatori di questi farmaci.
La coorte comprendeva 446.763 pazienti; di questi 61.460 hanno sofferto di un infarto miocardico acuto ( casi ).

I risultati dell'analisi hanno mostrato che l'uso corrente dei FANS, definito come qualsiasi dose per 1-7 giorni, era associato a un aumento del rischio di infarto miocardico acuto.
L'analisi non ha mostrato che il Naproxene fosse più sicuro di qualsiasi altro FANS.

I ricercatori hanno riferito che la probabilità di un aumento del rischio di infarto miocardico acuto associato all'uso di un FANS per 1-7 giorni variava dal 92 al 99%.

Inoltre, dosi più elevate sono state associate anche a una tendenza verso un rischio più elevato di infarto miocardico acuto.
L'impiego di una dose elevata per 8-30 giorni è risultato particolarmente dannoso per Ibuprofene ( dosaggio superiore a 1200 mg/die ), Naproxene ( dosaggio superiore a 750 mg/die ) e Rofecoxib ( dosaggio superiore a 25 mg/die ).

I risultati della meta-analisi dei singoli pazienti ha indicato che il rischio di infarto miocardico acuto aumenta immediatamente dopo l'esposizione ai FANS.

I ricercatori hanno osservato che una maggiore durata del trattamento non sembra essere associata a un aumento del rischio di infarto miocardico acuto.
Inoltre, il rischio di infarto miocardico acuto sembra diminuire nel tempo a partire dall'ultimo impiego di un FANS, quando l'odds ratio per l'uso recente a qualsiasi dose è stato confrontato con l'uso fatto in passato.

Sulla base delle evidenze emerse dell'analisi corrente, i medici dovrebbero valutare il rapporto rischio / beneficio quando prescrivono i farmaci antinfiammatori; inoltre devono utilizzare la più bassa dose efficace.

E' necessario informare i pazienti che i FANS sono associati ad effetti collaterali cardiovascolari, come un aumento del rischio di infarto miocardico. Questo rischio sembra aumentare immediatamente dopo l'inizio della terapia ed è maggiore quando si utilizzano più alti dosaggi di antinfiammatori. ( Xagena2017 )

Fonte: British Medical Journal, 2017

Reuma2017 Cardio2017 Farma2017


Indietro