OncoGinecologia.net
OncologiaMedica.net
Neurologia
Gastroenterologia.net

L'FDA ha approvato Tagrisso come trattamento di prima linea per il carcinoma polmonare non-a-piccole cellule EGFR-mutato


La Food and Drug Administration ( FDA ) statunitense ha approvato Tagrisso ( Osimertinib ) per il trattamento di prima linea di pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) metastatico con mutazioni del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) ( delezioni dell'esone 19 o mutazioni L858R dell'esone 21 ), come rilevato da un test approvato dalla FDA.
L'approvazione della nuova indicazione si basa sui risultati dello studio di fase III FLAURA, che sono stati presentati al Congresso della European Society of Medical Oncology ( ESMO ) 2017 e pubblicati sul The New England Journal of Medicine ( NEJM ).

Lo studio FLAURA ha confrontato Osimertinib con gli inibitori della tirosin-chinasi di EGFR di prima linea, Erlotinib ( Tarceva ) o Gefitinib ( Iressa ), in pazienti precedentemente non-trattati con tumore NSCLC EGFR-mutato localmente avanzato o metastatico.
Osimertinib ha raggiunto l'endpoint primario di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).
I risultati erano coerenti in tutti i sottogruppi di pazienti pre-specificati, compresi i pazienti con o senza metastasi del sistema nervoso centrale ( SNC ).

I dati sulla sopravvivenza globale non erano maturi al momento dell'analisi.

Osimertinib ha esteso la sopravvivenza libera da progressione rispetto alla terapia con gli inibitori tirosin-chinasici di EGFR standard ( 18.9 mesi versus 10.2 mesi; hazard ratio, HR=0.46, IC 95%, 0.37-0.57 ).

I dati di sicurezza di Osimertinib nello studio FLAURA erano in linea con quelli osservati in precedenti studi clinici.
Osimertinib è risultato generalmente ben tollerato, con eventi avversi di grado 3 o superiore che si sono verificati nel 34% dei pazienti che hanno assunto Osimertinib e nel 45% nel braccio di confronto.
Le reazioni avverse più comuni ( maggiore o uguale al 20% ) nei pazienti trattati con Osimertinib sono state: diarrea ( 58% ), eruzione cutanea ( 58% ), pelle secca ( 36% ), tossicità ungueale ( 35% ), stomatite ( 29% ), affaticamento ( 21% ) e diminuzione dell'appetito ( 20% ).

Negli Stati Uniti, Tagrisso è già stato approvato per il trattamento di seconda linea dei pazienti con tumore NSCLC metastatico con mutazione EGFR, la cui malattia è progredita durante o dopo una terapia con inibitori della tirosin-chinasi di EGFR di prima linea, e che ha sviluppato la mutazione secondaria T790M, come rilevato da un test approvato dalla FDA.
Nel 2017, Tagrisso ha ricevuto la designazione di Breakthrough Therapy ( terapia fortemente innovativa ) e ha ricevuto una Priority Review dalla FDA statunitense nel trattamento di prima linea.

Osimertinib è un inibitore tirosinchinasico irreversibile di EGFR di terza generazione in grado di inibire sia le mutazioni EGFR-sensibilizzanti che quelle EGFR T790M, con attività clinica contro le metastasi a livello del sistema nervoso centrale.

Lo studio FLAURA ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Osimertinib 80 mg una volta al giorno rispetto agli inibitori tirosinchinasici EGFR standard ( Erlotinib [ 150 mg per via orale, una volta al giorno ] o Gefitinib [ 250 mg per via orale, una volta al giorno ] ) nei pazienti precedentemente non-trattati con tumore NSCLC con mutazione EGFR localmente avanzato o metastatico.
Lo studio era in doppio cieco e randomizzato, con 556 pazienti di 29 Paesi.

Il carcinoma polmonare è la principale causa di morte per tumore tra uomini e donne, e rappresenta circa un quinto di tutti i decessi per cancro, più di cancro al seno, alla prostata e al colon-retto combinati.
Circa il 10-15% dei pazienti negli Stati Uniti e in Europa e il 30-40% dei pazienti in Asia hanno un tumore NSCLC EGFR-mutato. Questi pazienti sono particolarmente sensibili al trattamento con gli inibitori della tirosin-chinasi di EGFR, che bloccano le vie di segnalazione cellulare che guidano la crescita delle cellule tumorali.
I tumori sviluppano quasi sempre resistenza al trattamento con inibitori tirosinchinasici di EGFR con conseguente progressione della malattia.
Circa la metà dei pazienti sviluppa resistenza agli inibitori tirosinchinasici di EGFR approvati ( Gefitinib, Erlotinib e Afatinib [ Giotrif ] ) a causa della mutazione della resistenza T790M di EGFR.
Vi è inoltre la necessità di medicinali con una migliore efficacia a livello del sistema nervoso centrale, poiché circa il 25% dei pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule EGFR-mutato ha metastasi cerebrali alla diagnosi, con un incremento fino a circa il 40% entro due anni dalla diagnosi. ( Xagena2018 )

Fonte: AstraZeneca, 2018

Onco2018 Pneumo2018 Farma2018


Indietro