Farmaexplorer.it
Dermabase.it
XagenaNewsletter
Medical Meeting

Polmonite virale: sintomi, cause, terapia


La polmonite virale è una polmonite causata da un virus. I virus sono una delle due principali cause di polmonite, l'altro è batteri; cause meno comuni sono funghi e parassiti. I virus sono la causa più comune di polmonite nei bambini, mentre negli adulti i batteri sono una causa più comune.

I sintomi della polmonite virale comprendono febbre, tosse non-produttiva, naso che cola e sintomi sistemici ( ad es. mialgia, cefalea ).

Le cause più comuni di polmonite virale sono: virus dell'influenza A e B; virus respiratorio sinciziale ( RSV ); virus parainfluenzale umano ( nei bambini ).

I virus più rari che causano comunemente polmonite includono: adenovirus, metapneumovirus, virus della sindrome respiratoria acuta grave ( SARS coronavirus ), virus della sindrome respiratoria del Medio Oriente ( MERS coronavirus ), hantavirus, sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 ( SARS-CoV-2 ).

I virus che causano principalmente altre malattie, ma a volte causano la polmonite includono: virus dell'herpes simplex ( HSV ), principalmente nei neonati o nei bambini piccoli; virus della varicella-zoster ( VZV ); virus del morbillo; virus della rosolia; citomegalovirus ( CMV ), principalmente nelle persone con problemi del sistema immunitario; virus del vaiolo; virus della dengue.
Gli agenti più comunemente identificati nei bambini sono il virus respiratorio sinciziale, il rinovirus, il metapneumovirus umano, il bocavirus umano e i virus della parainfluenza.

I virus devono invadere le cellule per riprodursi. In genere, un virus raggiunge i polmoni trasportato in goccioline attraverso la bocca e il naso con l'inalazione. Lì, il virus invade le cellule che rivestono le vie aeree e gli alveoli. Questa invasione spesso porta alla morte cellulare sia per uccisione diretta da parte del virus sia per autodistruzione attraverso l'apoptosi.

Ulteriori danni ai polmoni si verificano quando il sistema immunitario risponde all'infezione. I linfociti, sono responsabili dell'attivazione di una varietà di sostanze chimiche ( citochine ) che causano la fuoriuscita di liquido negli alveoli.
La combinazione di distruzione cellulare e di alveoli pieni di liquido interrompe il trasporto di ossigeno nel flusso sanguigno.

Oltre agli effetti sui polmoni, molti virus colpiscono altri organi e possono portare a malattie che interessano molte diverse funzioni corporee.

Alcuni virus rendono l'organismo più suscettibile alle infezioni batteriche; per questo motivo, la polmonite batterica complica spesso la polmonite virale.

La migliore prevenzione contro la polmonite virale è la vaccinazione contro influenza, adenovirus, varicella, herpes zoster, morbillo e rosolia.

Nei casi di polmonite virale in cui si ritiene che l'influenza A o B siano agenti causali, i pazienti che vengono visti entro 48 ore dall'esordio dei sintomi possono trarre beneficio dal trattamento con Oseltamivir o Zanamivir ( entrambi inibitori della neuraminidasi ).
Il virus respiratorio sinciziale ( RSV ) non ha trattamenti ad azione diretta, ma la Ribavirina è indicata per i casi gravi.
Le infezioni da virus herpes simplex e varicella-zoster sono di solito trattate con Aciclovir, mentre il Ganciclovir può trovare impiego nel trattamento del citomegalovirus.
Non esiste un trattamento efficace noto per la polmonite causata da coronavirus SARS, coronavirus MERS, adenovirus, hantavirus o parainfluenza. ( Xagena2020 )

Fonte: Wikipedia, 2020

Inf2020 Farma2020


Indietro